Aldo Viola

ALDO-VIOLA

L’ Azienda di Aldo Viola si trova nei pressi di Alcamo in provincia di Trapani. Aldo proviene da una famiglia che da almeno 4 generazioni hanno una vera e propria passione per la produzione di vino. L’azienda si è sviluppata secondo 3 cardini di sviluppo; eccellenza, tradizione ed ecosostenibilità insieme ad una filosofia che è la tipicizzazione dei vini provenienti esclusivamente dalle uve dei proprietà, della varietà Grillo, Catarratto, Nerello Mascalese, Syrah e Perricone. Aldo Viola cura in prima persona tutti i processi dalla vinificazione fino all’imbottigliamento delle circa 10000 bottiglie che ogni anno produce in modo artigianale e naturale. Le tecniche di coltivazione dei vigneti sono da sempre biologiche con alcuni concetti di biodinamica, ma solo nel 2013 ha ottenuto la certificazione bio. Non tutte le uve raccolte vengono vinificate ma solo il 20% ha il privilegio di entrare nei vini di Aldo, vini che hanno una forte identità territoriale

Pubblicità

Marco Sara

marco-sara

La cantina di Marco Sara si trova a Savorgnano del torre, in provinica di Udine, nella parte più occidentale e anche più fredda dei Colli Orientali del Friuli. Qui coltiva otto ettari di vigneto che si trovano tra i 175 e i 300 m.s.l.m. e poggiano sul cosiddetto Flysh, che è un misto di “ponca”, la parola che in friulano identifica la marna, ed arenaria. I vigneti di Marco sono tanti piccoli appezzamenti dislocati nella fascia collinare del comune di Povoletto; scelti nel tempo in modo da rispettare determinate caratteristiche icosì da poter esprimere al meglio il territorio. I Cru sono due; il Riu Falcon dove sono presenti le vigne di Picolit, di Friulano e di Verduzzo, caratterizzato da temperature fresche e terreno argilloso, che permette sia di avere dei buoni risultati con i vitigni a bacca bianca sia di poter lavorare con la botrytis cinerea, e il Cru Roncus caratterizzato da una buona escursione termica tra giorno e notte nella fase di maturazione e dove vengono allevati il Refosco, lo Schioppettino e il Cabernet Franc. Marco da subito ha abbracciato la filosofia biologica, e per lui vino significa responsabilità, sostenibilità, equilibrio degli esseri viventi; lavoro artigianale che tiene conto del passato ma guarda al futuro. Idee che sono state riportate in vigna attraverso l’assenza di prodotti chimici di sintesi come diserbanti e pesticidi, e in cantina con fermentazioni spontanee con lieviti indigeni, tecniche di cantina senza ausili di correzioni e additivi e la parsimonia nell’uso dell’anidride solforosa. I vini di Marco rispettano i concetti di bevibilità, territorialità, sensibilità umana e profondità.

Marco Merli

marco-merliL’azienda è situata a Casa del Diavolo, immersa nelle colline umbre, ed è gestita da Marco Merli con l’aiuto del papà. Pochi ettari gestiti in maniera naturale dove il frutto deve essere il più sano possibile attraverso concimazioni effettuate con letame animale, sovesci erborei, trattamenti solo con rame e zolfo e l’instaurazione di una convivenza tra le erbe infestanti e le viti. La vinificazione avviene solamente in cantina dove si prediligono le fermentazioni spontanee con i soli lieviti indigeni e affinamenti tra vasche di cemento, botte grande ed acciaio. I vitigni coltivati sono Trebbiano, Grechetto, Malvasia, Sangiovese, Merlot, Ciliegiolo, Moscato, Cabernet Sauvignon che vanno a comporre le 13 etichette che Marco produce. Vini non solo gustosi ma anche ricchi di dettagli e di emozioni, sfaccettati e molto buoni.

Scritto da Giovanni Boscherino

Collecapretta

Collecapretta è una piccola azienda che si trova in Terzo la Pieve, località vicino a Spoleto, immersa nella campagna umbra. Gestita da Vittorio Mattioli con il prezioso aiuto della moglie Anna e della figlia Annalisa, la cui attività abbraccia tutti gli aspetti legati alla campagna, non solo la coltivazione della vite, ma anche grano che gli fornisce la farina e il mangime per gli animali, degli ulivi e l’allevamento di piccoli animali da cortile. Cinque ettari di vigneti situati in collina ad un’altitudine tra i 400 e i 550 s.l.m., ben ventilata e composizione dei terreni di origine argillosa. Grande attenzione è posta in vigna, con il rispetto dei cicli della natura, la totale assenza di erbicidi, pesticidi e diserbanti. La stessa cura è posta in cantina dove si praticano fermentazioni spontanee, vietato l’uso di anidride solforosa, i travasi vengono effettuati in funzione del ciclo lunare e per illimpidire i vini ci si affida ai rigori dell’inverno. Collecapretta ha sempre cercato di interpretare e valorizzare i vitigni locali, accanto a vigneti di Trebbiano Spolentino, da vigne di sessant’anni, e Sangiovese, da ceppi di trent’anni, sono stati piantati negli anni vitigni di Barbera, Greco, Merlot e Ciliegiolo. Un vasta gamma di etichette dalla produzione limitata già diventate cult presso gli appassionati.
http://wineyou.it/ita/manufacturer/collecapretta.html
#collecapretta #viniveri #vininaturali #viniumbri

vini-di-collecapretta

Sorgente del vino

sdvlive2017-600x300

Da sabato 11 a lunedì 13 marzo 2017 torna a Piacenza il vino nato dal rispetto per la terra, per le tradizioni, per le persone a Sorgentedelvino LIVE.

Tre giorni di festa, lavoro, assaggi, degustazioni, approfondimenti per crescere e divertirsi insieme. Un viaggio attraverso profumi e sapori, territorio dopo territorio per riscoprire quell’Italia meravigliosamente ricca di differenze, di sapori autentici e di tradizioni vitali e radicate che ancora resiste alle tentazioni dell’omologazione.

Cascina degli Ulivi

cascina-degli-ulivi

Cascina degli Ulivi è un’azienda agricola biodinamica situata sulle colline di Novi Ligure in provincia di Alessandria.La cascina è conosciuta soprattutto per i vini, ma il progetto ha un respiro più ampio: una variegata produzione agricola, allevamento, un agriturismo dove è possibile pranzare e cenare con cibi e vini provenienti dalla produzione aziendale biodinamica e soggiornare per periodi più o meno lunghi nella campagna piemontese.
Diversi i vini prodotti: il Belotti rosa a base Merlot, il Belotti rosso prodotto con Dolcetto e Barbera, il Filagnotti Gavi DOC di Tassarolo a base di cortese, la splendida Barbera denominata Mounnbè, il Nibio che prende il nome da dal vitigno Nibio, antico biotipo di dolcetto a graspo rosso e per finire il meraviglioso Etoile du Raisin.

I Cacciagalli

 

Realtà dell’Alto Casertano in forte ascesa e le cui bottiglie allettano pure autorevoli palati della stampa di settore. Diana Iannacone e Mario Basco seguono i dettami dell’agricoltura biodinamica su una superficie di 9 ettari vitati divisa in varie parcelle situate in località Cacciagalli e località Aorivola. Un’autentica interpretazione dei vitigni tipici della zona attraverso le peculiarità che il territorio offre, tracciato inequivocabilmente dall’attività del vulcano spento di Roccamonfina: altitudini dai 200 ai 300 metri sul livello del mare, con filari tutti esposti ad est, su terreni di natura vulcanica, sciolti, sabbioso calcarei e con buona sostanza organica. Mani estremamente sensibili e a segnalare addirittura ulteriori progressi in divenire la giovane età delle vigne – fino a 10 anni – impiantate ad Aglianico, Piediorosso, Pallagrello Nero, Falanghina e Fiano. Quasi tutti i vini sono affinati in anfora, con macerazioni sulle bucce più o meno lunghe e il tutto attraverso fermentazioni spontanee, nessuna chiarifica e filtrazioni, o qualsivoglia aggiunta di additivi.

Vini Corsari

Una festival dedicato al vino artigianale, durante il quale assaggiare (e acquistare) i vini di 30 vignaioli provenienti da tutta Europa! Un viaggio nel vino, navigando dal Portogallo all’Italia, tra profumi gusti e strutture ben distinti. L’occasione di incontrare quei produttori che condividono un approccio artigianale al vino e l’intento di restituire nelle loro produzioni il terroir, tutelato e valorizzato attraverso una viticoltura rispettosa dell’ambiente.
L’ambizione pasoliniana di un approccio ancorato ai territori, complesso, carnale e ricco di sfumature, è lo stesso che si rivendica quando ci si accosta al tema del vino.
https://vinicorsari.com/

vc2016_cartaz_maquete_v4_simples.jpg